Il commento del presidente Ciervo sul 25 aprile

26 aprile 2019 Lascia un commento »

58591315_2394655030559402_6233026277062737920_n


Il 25 aprile 2019 a Benevento: una bella giornata di libertà e di democrazia

È stata una bella giornata di libertà e di democrazia quella che ieri, insieme, abbiamo vissuto per ricordare e festeggiare la Resistenza al nazifascismo e il suo valore fondante per la Repubblica e per la Costituzione.
Il 25 aprile è il giorno in cui tutte le italiane e tutti gli italiani, che si riconoscono in quelle vicende e in quei principi, si ritrovano per riaffermare la valenza imprescindibile del giuramento fondamentale di una patria rinnovata con le idee-guida della carta costituzionale (libertà, democrazia, uguaglianza sostanziale e non meramente formale, pace, antifascismo) che sono agli antipodi dei disvalori del vecchio e nuovo fascismo.
Tale era la volontà dell’ANPI che, per statuto e missione, ha il dovere etico e politico di conservare la memoria dei combattenti per la libertà e la dignità dell’Italia e difendere i principi costituzionali e tale è stato lo spirito che ha animato la manifestazione 2019, ancora una volta guidata dal nostro grande partigiano combattente, Giuseppe Crocco, “Caramba”. Ciò è stato reso possibile dalla presenza di taluni rappresentanti istituzionali ufficiali (comune di Benevento, comune di Apice), di esponenti politici presenti, a vario titolo, nelle istituzioni, di partiti politici, dei sindacati, delle associazioni, dei movimenti: una presenza plurale con la quale ogni forza ha innervato la propria sensibilità politico-culturale nella riaffermazione dell’insostituibilità del più significativo anniversario della nostra storia repubblicana.
È ciò che si definisce “religione civile”, senza la quale un paese non può né potrà costruire nulla. Per questa bella prova di civiltà democratica, l’ANPI di Benevento ringrazia tutte le partecipanti e tutti i partecipanti, le istituzioni, i partiti, i sindacati, le associazioni e i movimenti presenti. L’ANPI ringrazia poi tutti gli organi di informazione (giornali, tv, siti) per l’attenzione riservata.
Non è possibile, in conclusione, non rimarcare l’assenza, alla festa del 25 aprile, dell’intera deputazione sannita. Rappresentando, grazie alla Costituzione nata dalla Resistenza, le cittadine e i cittadini di questa provincia nel più alto consesso legislativo della Repubblica, ci sembra doveroso far notare quanto discutibile sia, non solo politicamente ma anche moralmente sbagliata, la scelta di non presenziare alla manifestazione che, prima di ogni altra finalità, vuole tenere vivo il ricordo, soprattutto a vantaggio delle giovani generazioni, di chi ha sacrificato la propria vita perché altre e altri, in seguito, potessero, liberamente e democraticamente, diventare deputati e senatori. I quali, per una serie di motivazioni, dovrebbero essere i primi (o le prime) ad essere presenti.

Il Comitato provinciale dell’ANPI di Benevento

Pubblicità